Home
Benvenuti al
Storico edificio rurale testimone di un passato importante e di un destino che ha unito due famiglie del vino biologico:

La famiglia Borella e la famiglia Pizzolato.

Un angolo di paradiso in Val d’Elsa, incorniciato da luoghi come le torri di San Gimignano, la rocca di Casole d’Elsa, il campanile di Radicondoli e la Montagnola, in un territorio che incarna la forma più tipica

Un angolo di paradiso in Val d’Elsa, incorniciato da luoghi come le torri di San Gimignano, la rocca di Casole d’Elsa, il campanile di Radicondoli e la Montagnola, in un territorio che incarna la forma più tipica del paesaggio toscano. Siete al centro di una bellezza universalmente riconosciuta e celebre per la rinomata tradizione vitivinicola, dove i colori del tramonto diventano quelli del cuore.
del paesaggio toscano. Siete al centro di una bellezza universalmente riconosciuta e celebre per la rinomata tradizione vitivinicola, dove i colori del tramonto diventano quelli del cuore.

1250

Origine

Sulle colline senesi viene costruita la base medievale del Casale.
La Toscana sta diventando la culla del Rinascimento.

1384

Il Chianti

Per la prima volta il nome “Chianti” appare riferito al vino prodotto in questa zona.

1850

Ulivi

Vengono piantati mille ulivi leopoldini, che ancora oggi rendono unico il paesaggio del Casale.

1874

riconoscibilità

Con la nuova facciata, il Casale acquista il fascino dell’antico edificio rurale toscano.

1970 Nasce il biologico in Italia

1970
Nasce il biologico in Italia

1974

Borella

Giovanni Borella diventa il nuovo proprietario della cantina e pianta i primi vigneti secondo il metodo biologico.

Giovanni Borella, uomo di grande cultura ed eclettismo, arriva al Casale alla fine degli anni Settanta, da Ginevra. Si innamora di questo luogo a prima vista: un sentimento profondo, un legame intenso, dove emozioni, natura, passione si intrecciano e si completano.
La viticoltura biologica e la cura del Casale diventano la sua ragione di vita: avvia subito la produzione del Chianti Colli Senesi e dell’olio extravergine di oliva, preziosi frutti delle vigne e degli ulivi della proprietà.

Precursore della viticoltura biologica in Toscana, è tra i fondatori di importanti associazioni di settore, coltiva i vigneti e gli uliveti con metodo biologico, seguendo i ritmi della natura fin dagli esordi, molto tempo prima che questo tipo di coltura fosse ufficialmente riconosciuto e disciplinato.
Nel suo sguardo si coglie il guizzo dell’artista e la saggezza di un viticoltore esperto. Nel suo cammino ha incontrato chi ha raccolto la sua eredità: la famiglia Pizzolato.
Un incontro fra predestinati, scritto nell’avvenire di questo luogo magico.

Giovanni Borella, uomo di grande cultura ed eclettismo, arriva al Casale alla fine degli anni Settanta, da Ginevra. Si innamora di questo luogo a prima vista: un sentimento profondo, un legame intenso, dove emozioni, natura, passione si intrecciano e si completano. La viticoltura biologica e la cura del Casale diventano la sua ragione di vita: avvia subito la produzione del Chianti Colli Senesi e dell’olio extravergine di oliva, preziosi frutti delle vigne e degli ulivi della proprietà. Precursore della viticoltura biologica in
Toscana, è tra i fondatori di importanti associazioni di settore, coltiva i vigneti e gli uliveti con metodo biologico, seguendo i ritmi della natura fin dagli esordi, molto tempo prima che questo tipo di coltura fosse ufficialmente riconosciuto e disciplinato. Nel suo sguardo si coglie il guizzo dell’artista e la saggezza di un viticoltore esperto. Nel suo cammino ha incontrato chi ha raccolto la sua eredità: la famiglia Pizzolato. Un incontro fra predestinati, scritto nell’avvenire di questo luogo magico.

1977

La Cantina

Rinasce la cantina, sulle tracce di quella più antica, sepolta da oltre un secolo.

1979

La Prima Volta

Il primo “Chianti Colli Senesi” e il primo olio extravergine d’oliva sono finalmente realtà.
Borella entra nel Coordinamento Toscano Produttori Biologici e fonda l’Associazione Italiana Agricoltura Biologica.

1981

Il Bio in TOscana e in veneto

Pizzolato sceglie per l’intera azienda la lotta guidata biologica e integrata.

Settimo Pizzolato con i figli ora ventenni, Stefania e Federico

1990

Agricampeggio

Nasce l’agricamping, un’oasi di pace e di autenticità, con un panorama toscano mozzafiato sulle colline senesi.

2021

Pizzolato:
una nuova avventura

C’è intesa fra pionieri del biologico: la famiglia Pizzolato, che ha fatto la storia di questo settore, acquisisce il Casale raccogliendo l’eredità del passato.

40 anni

Pizzolato festeggia 40 anni di storia come cantina leader nella produzione di vino biologico.

Cantina Pizzolato è da sempre sinonimo di viticoltura biologica.
Cinque generazioni di storia e di tradizione, un lungo impegno nella produzione enologica nel rispetto della naturalità e della massima qualità. Sono queste le salde radici della famiglia, su cui è stata costruita l’intera filosofia produttiva dell’azienda veneta che oggi esporta i propri vini biologici in 35 Paesi.

Per Pizzolato il biologico è uno stile di vita, un’attenzione costante all’ambiente, una scelta nata da un percorso personale in cui il rispetto è il fondamento della società. Ed è proprio con profondo rispetto che Settimo e la famiglia Pizzolato hanno conosciuto Giovanni Borella. Con umiltà e delicatezza sono entrati nel mondo del Casale accomunati dalla passione di produrre un vino buono
e biologico: una sfida nuova, per la famiglia veneta, che prende al volo con un bagaglio di esperienza biologica di oltre 40 anni, per scoprire segreti e nozioni di una terra affascinante, quella toscana e di un vino complesso e colmo di storia. Con grande responsabilità e un bagaglio colmo di emozioni, sogni, progetti, hanno raccolto il testimone per traghettare il Casale verso il futuro.
Cantina Pizzolato è da sempre sinonimo di viticoltura biologica. Cinque generazioni di storia e di tradizione, un lungo impegno nella produzione enologica nel rispetto della naturalità e della massima qualità. Sono queste le salde radici della famiglia, su cui è stata costruita l’intera filosofia produttiva dell’azienda veneta che oggi esporta i propri vini biologici in 35 Paesi. Per Pizzolato il biologico è uno stile di vita, un’attenzione costante all’ambiente, una scelta nata da un percorso personale in cui il rispetto è il fondamento della società. Ed è proprio con profondo rispetto che Settimo e la famiglia Pizzolato hanno conosciuto Giovanni Borella. Con umiltà e delicatezza sono entrati nel mondo del Casale accomunati dalla passione di produrre un vino buono e biologico: una sfida nuova, per la famiglia veneta, che prende al volo con un bagaglio di esperienza biologica di oltre 40 anni, per scoprire segreti e nozioni di una terra affascinante, quella toscana e di un vino complesso e colmo di storia. Con grande responsabilità e un bagaglio colmo di emozioni, sogni, progetti, hanno raccolto il testimone per traghettare il Casale verso il futuro.

2021

La Prima Vendemmia

La Fam. Pizzolato affianca Borella per la prima vendemmia del Chianti Colli Senese, nella nuova era del Casale.

2023

Agriturismo

Il Casale III aprirà le sue porte per accogliere gli ospiti di tutto il mondo nell’incanto della Val d’Elsa.

IL FUTURO

Il futuro sarà vivace e dolce come il piccolo Edoardo, intraprendente come la visione di Sabrina, avvincente come la storia di Settimo Pizzolato.

Progredire nella produzione biologica del vino rosso toscano e dell’olio extravergine di oliva d’oliva, dedicarsi all’accoglienza degli ospiti e alla cura del territorio: ecco l’impegno futuro e la nuova sfida della famiglia Pizzolato. E poi, continuare a sognare e a far sognare, in questo luogo del cuore che regala leggerezza d’animo e allo stesso tempo un senso di pienezza e gratitudine.
Il Casale III è il tempio della quiete e della serenità, è la casa del Chianti biologico che sentirai un po’ anche tua.
Dove Siamo
All’indicazione Collalto prosegui sempre dritto, ti troverai di fronte ad una strettoia con una chiesa piccina davanti. Da qui mantieni la sinistra per una strada sterrata: dopo circa 1 km sarai arrivato al Casale.
Soggiorna
Il campeggio è aperto da maggio a settembre. La prenotazione è necessaria:
Contatti
Per venire a visitare il casale o acquistare i nostri prodotti contattaci:
Via Casale Collalto, 3 53034 Colle di Val d’Elsa (SI)
P.IVA e C.F: 01539840528 – SDI: 6RB0OU9 – PEC: podereilcasalesa@pec.it